Muore obeso,fratello'non c'è Tac adatta'

Luca Vecchione, un 45enne di Leporano (Taranto), è morto nell'ospedale Santissima Annunziata di Taranto domenica scorsa. "Pesava 180 chili ed era altro un metro e 90 centimetri - racconta suo fratello Giulio - e non è stato possibile fargli una Tac perché in Puglia non ci sono macchinari adatti ai grandi obesi". Vecchione sottolinea che suo fratello "aveva molte patologie, e sarebbe morto comunque: perciò - precisa - oggi non chiedo giustizia o un risarcimento danni, quello che voglio è un piano per l'acquisto di Tac per grandi obesi, affinché a nessun'altro succeda quello che è successo a mio fratello". Luca era andato in ospedale giovedì dopo essere caduto in casa, fratturandosi il braccio e il femore. Dopo due giorni ha cominciato ad avere problemi allo stomaco: "Ogni volta che beveva o mangiava - racconta Giulio - vomitava. Ed era diventato stitico. Probabilmente nella caduta aveva subito danni all'apparato digerente". "Stava molto male - conclude - e quando l'hanno portato in rianimazione è morto".

Altre notizie

Notizie più lette

  1. La gazzetta del mezzogiorno
  2. La gazzetta del mezzogiorno
  3. La gazzetta del mezzogiorno
  4. La gazzetta del mezzogiorno
  5. Bari Today

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Cassano delle Murge

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...